Pizzeria Sorbillo a Napoli. La storia della pizza Napoletana


La Pizzeria Sorbillo a Napoli è per molti il filo conduttore tra passato, presente e futuro della tradizione Pizzaiola napoletana. Una famiglia che ha dedicato una vita alla cultura della tradizione gastronomica napoletana che con Gino diffonde il “verbo” della pizza doc nel mondo.

La Pizzeria sorbillo a Napoli, nel cuore del centro storico in Via Tribunali, non è solo un locale dove andare a mangiare una spettacolare pizza fatto a regola d’arte; è ormai divenuto un punto di ritrovo per il movimento culturale gastronomico campano e non solo.

Il vero amore e l’energia profusa da Gino nel creare un dialogo, un creativo e costruttivo scambio di idee attorno alla napoletanità positiva, quella da esportare, partendo da un “totem” della nostra cultura a tavola: la pizza.

Ho avuto la possibilità di conoscere e parlare a lungo con Gino Sorbillo già in passato e di apprezzare le tante idee che aveva in cantiere e di portare a termine quanto prima. Un vero artigiano della gastronomia “povera” che fa di un mestiere una vera e propria arte.

Sempre e costantemente immerso nella realtà di una Napoli che vive un momento duro, Gino Sorbillo ha avuto più volte modo di balzare agli onori delle cronache nazionali per le sue iniziative sociali volte a dare un piccolo-grande contributo al miglioramento della nostra comunità.

Mi capita spesso di andare a pranzo nel suo locale (non vedo l’ora di provare anche la nuova pizzeria che sta per nascere sul Lungomare Liberato) e di trovarlo indaffarato a preparera i suoi manicaretti ma sempre pronto a scambiare due chiacchiere con i tanti avventori proveniente da ogni parte del globo che hanno avuto la fortuna di far incontrare le proprie papille gustative con il soffice impasto di una pizza fatta a regola d’arte.

La mia ultima visita è stata suggellata in modo divino da una pizza con cigoli e ricotta che avrebbe fatto risuscitare anche i più lontani dei miei avi tanto dalla goduria espressa ad ogni morso.

Per chi ci vive o per chi si trova in città solo per una vacanza, tra le mille e più meraviglie da non lasciarsi sfuggire a Napoli, non lasciatevi sfuggire una sosta nel regno della mozzarella di bufala e del pomodoro del piennollo.

Un consiglio: se riuscite ad essere flessibili sugli orari di pranzo e cena, vi raccomando caldamente di evitare le canoniche ore di punta per non aspettare troppo la lunga fila di aspiranti commensali.

Buon appetito.

Inserisci il tuo commento