Taverna Sant’Elia a Sperone. Gusto e qualità ad un prezzo incredibile


Una coppia di ragazzi, un buono chef, voglia di fare e una buona selezione di prodotti da servire. Sono questi gli ingredienti principali che caratterizzano la Taverna Sant’Elia di Sperone.

Un piccolo locale ricavato dalla taverna di una villetta monofamiliare nei pressi dello stadio comunale del paesino irpino ai confini con l’ampia provincia nolana, dove si viene accolti da ampi sorrisi e da un proprietario/responsabile di sala che si intrattiene volentieri a fare due chiacchiere con i commensali esaltando la genuinità dei prodotti serviti.

Abbiamo scoperto questo posticino grazie ad una offerta di groupon e per questo il menù della cena era “pilotato”.

Iniziamo con un antipasto misto di salumi con un assaggio di partigiana di melanzane e bocconi di mozzarella.

Come primi abbiamo scelto:
mezze maniche con melanzane, salsiccia e provolone;
pappardelle con i funghi porcini;
una variante senza salsiccia delle mezze maniche per Monica (a nostro figlio Lorenzo il maiale non piace).

Secondi piatti ovviamente a base di carne con:
straccetti di maiale ripassati in padella;
tagliata con rucolo e grana;
scalpita di manzo al vino bianco.

Due vassoietti di patatine fitte, un paio di fette di torta caprese e altrettante porzioni di gelato al tiramisu completano il quadro.

La qualità e la bontà dei piatti è fuori discussione. La volontà di fare bene è chiara e si percepisce sin dall’antipasto. Ci ha lasciato spiazzati la dimensione delle porzioni: é vero che abbiamo avuto un pranzo completo per 40€ in 6 ma sopratutto i secondi erano veramente troppo troppo miseri. Così facendo si compromette tutto il lavoro ben fatto fino a quel momento. Non sarebbe meglio far pagare un pochino in più ed essere più equi con le razioni?

Sono quasi sicuro che un ospite non accompagnato dal famoso coupon riceva un trattamento leggermente diverso e spero di dargli presto una seconda possibilità.

Comunque la taverna Sant’Elia è da provare, non resteremo assolutamente delusi.

Buon appetito e a presto.

Inserisci il tuo commento