Mangiare bene spendendo poco a Roma non è una missione impossibile


Roma è la nostra città di adozione. Abbiamo vissuto a pochi chilometri dalla capitale per un periodo della nostra vita e continuiamo a tornarci appena possiamo. Sarà l’atmosfera, saranno i ricordi di un bel periodo ma in ogni modo è una città che ci è rimasta nel cuore. Mangiare bene senza essere spennato come il più fesso dei turisti ingurgitando pietanze da Mcdonalds dei noiartri, non è facilissimo ma comunque non è una missione impossibile.

In questo decalogo dei migliori locali (secondo il critico di Dissapore) dove mangiare cucina tipica spendendo poco (o il giusto), ritrovo molti locali dove abbiamo già avuto il piacere di mangiare e che ci trovano perfettamente d’accordi con i commenti.

Buona lettura e come sempre, stampate e portate questa imprendibile mini-guida.

(1) LA GATTA MANGIONA, via Federico Ozanam, 30/32 – Tel. 06/5346702. (Pizzerie). Senza smancerie: è il locale che ha cambiato la storia della pizza in città, orientandola verso lievitazione lunga e ingredienti di pregio. Perfetti gli sfizi fritti, servizio veloce e ambiente a volte rumoroso. Dal racconto di Dissapore: “ordiniamo due supplì imperiali (champagne, burro e tartufo bianco, 5 euro) dalla lavagna, la straordinaria sapienza e il gusto nel fare questi bofonchiotti di riso dorati lascia senza fiato. Avevo mangiato qui altre volte, mai come stasera ho apprezzato le pizze, davvero eccellenti”. PREZZO MEDIO: 20 euro.

(2) ASINO D’ORO, via Valsavaranche, 81/85 via del Boschetto 73 – 06/64491305. (Ristoranti). Generazione Asino d’oro: per chi è stato nel locale di Orvieto l’impatto con la filiale romana è da cardiopalma, tutto ciò che si osserva è mediocre, quasi irricevibile. Le cose cambiano con la cucina, qui la killer app è “Il Pranzetto”, molto convincente stando a Dissapore: “il gentilissimo personale di sala ci avverte del pranzo a menù fisso. ‘Il Pranzetto’ consiste in un Piccolo crostino con fegatini, Bagnone (zuppa) di fagioli, Cannelloni di ricotta alla pizzaiola, Spezzatino di capocollo con verza, un calice di vino rosso o bianco, 50 cl di acqua minerale, pane (buono) a 12 euro. Fuori menù: budino alla salvia, crostata di visciole, un caffè e un distillato. Totale: 38 euro in due”. PREZZO MEDIO 20 euro.

(3) TANTO PE’ MAGNA’, via Giustino de Jacobis, 9/15 – Tel. 06/51606620 06/51607422. (Trattorie). “La Garbatella e’ un quartiere a dimensione umana, con i suoi lotti, le casette e la possibilita’ di andare in giro in Vespa”, diceva Nanni Moretti, che nel quartiere ha ambientato Caro Diario. Altri e più televisivi successi hanno un po’ plastificato il pacioso ex quartiere di operai, che trasferisce il suo fascino in questa trattoria dal rapporto prezzo/felicità imbattibile. Non c’è bisogno di darsi un tono, a perfezionare la romanità un po’ di maniera del menù provvede l’accoglienza rilassante. Merce rara. PREZZO MEDIO: 20 euro.

(4) SFORNO, via Statilio Ottato, 110/116 – Tel. 71546118. (Pizzerie). Il forno a legna, a sinistra dell’ingresso, chiarisce subito le intenzioni, come le decine di variazioni sul tema della pizza (quasi) napoletana. Selezione cult di birre artigianali servizio curato e veloce, anche troppo da quando nelle sale va in scena l’odioso doppio turno. L’esperienza di Dissapore: “Uno dei Dioscuri del lievito per i buongustai romani, la pizza è grande, molto, con un cornicione che è un’unica curva, mentre al centro l’impasto si fa giustamente sottile. Mozzarelle e condimenti sono buonissimi, la cottura perfetta malgrado le bruciature. Il baccalà in pastella è sontuoso, succoso e appagante, uno scrigno croccante con dentro un boccone da urlo”. PREZZO MEDIO 23 euro.

(5) CELEBRITA’, via Igino Giordani, 53 – Tel. 06/4064005. (Etnici). Per avere, finalmente, un rapporto laico e realistico con la cucina cinese senza messe in scena e involtini primavera. Piccolo e buonissimo. Sostiene Dissapore: “Ero convintissima che non esistesse a Roma un posto migliore di Hang Zhou per mangiare cinese a prezzi da osteria, ma sbagliavo. Un giorno ho sentito parlare di Celebrità, di un cuoco creativo, di barba di drago: spaghetti fatti a mano stirando e piegando l’impasto, serviti in una zuppa con brodo di carne. Altre particolarità nel menù: anatra alla pechinese con la sua salsa e del cipollotto fresco, e il mio piatto preferito, lattuga in salsa di ostriche”. PREZZO MEDIO: 25 euro.

(6) SALOTTO 42, piazza di Pietra, 42 – Tel. 06/6785804. (Brunch). Fiducia assoluta nello sviluppo di questo posto abbastanza unico, incrocio rassicurante tra un bar, un elegante salotto e una libreria. Nello scrigno di Piazza Pietra, il Salotto 42 è il rifugio per le nostre esistenze tormentate, dove sabato e domenica fino alle 15 si serve il solo brunch bio di Roma. Visto il conto che si aggira intorno ai 15 euro, non andarci, e quindi privarsi di insalate, cous cous, centrifughe e ora anche dei dolci perfetti, è una scelta che trascende l’umana comprensione. PREZZO MEDIO: 15 euro.

(7) BARRILI 66, via A. G. Barrili, 66 – Tel. 06/58364414. (Kosher). I romani hanno due cucine nelle quali rifugiarsi, quella romana ovviamente, e quella ebraica. A chi non è capitato di passeggiare per via del Portico d’Ottavia e di ritrovarsi a tavola davanti ad un carciofo alla giudia fatto come si deve. Vi piace questa immagine un po’ polverosa della cucina giudea? A me ha un po’ stufato. Suggerisce Dissapore: “Dimenticate l’atmosfera da taverna Kosher, Barrili 66 è un Kosher Deli, sì, siete ancora a Roma, ma vi sembrerà di stare al 399 di Grand Street a New York. E lì potrete mangiare un ottimo N.Y.C. Pastrami Deli, una cremosa carbonara con carne secca o un carciofo alla giudia dall’invidiabile cottura”. PREZZO MEDIO: 20 euro.

(8) LA BARRIQUE/IL GOCCETTO/REMIGIO, via del Boschetto, 41 – Tel. 06 /7825953; via dei Banchi Vecchi, 14 – Tel. 06/6864268; via Santa Maria Ausiliatrice, 15 – Tel 06/789228. (Enoteche). E’ un fenomeno che osservo da anni: Roma ha le più insuperabili enoteche del mondo. In pochi altri posti un palazzo disegnato da Antonio da Sangallo con affreschi del 1700 convive con una cantina tecnologica dove è possibile affittare spazi per conservare le proprie bottiglie. Volendo tacere delle centinaia di etichette in carta, con una maggioranza schiacciante per la mescita, il cibo spesso squisito a prezzi accessibili, le cantine bellissime, l’enfasi sulle etichette locali. PREZZO MEDIO: 20 euro.

(9) SWEETY ROME, via Milano, 48 – Tel. 06/48913713. (Brunch). Caffetteria per pranzare o per il brunch (couscous di verdure, muffin ai brocccoli, insalata di pollo con uva e semi di papavero). E ovviamente pasticceria americana. Estasiata la descrizione di Dissapore: “un brownie con glassa al cioccolato bianco e pistacchio, una fetta di red velvet, una cupcake banana e cioccolato, una al gusto tiramisù. E ancora: una cupcake al cocco, un muffin al limone con semi di papavero. Ma non basta, il soul food chiama e Sweety Rome risponde con una pecan pie, finendomi con l’ultimobrownie nato in casa Sweety: quello al caramello”. PREZZO MEDIO: 18 euro.

(10) PIZZARIUM, via della Meloria, 43 – Tel. 06/76908123. (Pizzerie). Gabriele Bonci ipnotizza Roma (ma che dico, il Paese) in una vibrante esperienza che rende Pizzarium uno dei punti focali della città. Impensabili per una pizzeria le combinazioni: datteri/fiori di zucca/ bagoss, pecorino/carne di pecora, porchetta/pomodoro/baccalà, inarrivabili i fritti.Diciamolo con Dissapore: “Seguono in rapida successione: 1) Pellegrinaggio alla venerata pizzeria/rosticceria/cavità Pizzarium. 2) Fulminea conversione al verbo bonciano contraddistinta dalla cantilena: “mi dia un pezzo di tutte le pizze”. PREZZO MEDIO: 15 euro.

[Crediti | Link: Dissapore, immagini: Francesca BArreca, Antonio Tomacelli, Daniela Delogu]

Inserisci il tuo commento